I NOSTRI MARO' 

UN'ODISSEA IN INDIA INIZIATA IL 15 FEBBRAIO 2012

- By Fernando Termentini - mail@fernandotermentini.it -

 

 

 
Si è molto parlato quale sia stata la successione degli eventi avvenuti  nell'Oceano indiano di fronte alle coste dello Stato indiano del Kerala, quel 15 febbraio 2012 quando due nostri Fucilieri di Marina imbarcati sulla nave italiana Enrica Lexie hanno sventato un tentativo di attacco di  pirati, mentre la petroliera italiana navigava in acque internazionali. 

Vicende ancora non chiarite che sicuramente le frammentarie versioni ufficiali italiane ed indiane  non aiutano a comprendere.

Un documento ufficiale del'International Maritime Bureau (Imb) della Camera di commercio internazionale (Icc)  ha comunque confermato, in una comunicazione alla Marina militare italiana, che il 15 febbraio - lo stesso giorno del presunto tentativo di abbordaggio alla petroliera italiana Enrica Lexie - è stato attaccato dai pirati un cargo, l'Olympic Flair, battente bandiera greca, che si trovava a circa due miglia e mezzo dal porto di Kochi. Secondo l'organismo internazionale, l'attacco da parte di pirati sarebbe avvenuto alle ore 16.50 locali. Nel report, in particolare, si fa riferimento a circa 20 persone che, a bordo di due imbarcazioni, avrebbero tentato l'abbordaggio di un tanker, rinunciando dopo che il personale della sicurezza della petroliera aveva fatto scattare le procedure d'allarme.

Nella segnalazione dell'Icc non compare il nome della nave coinvolta, che ieri però è stata identificata - sulla base di informazioni raccolte dallo stesso organismo e girate alle autorità italiane - nel cargo greco Olympic Flair. Questa mattina un portavoce della Marina mercantile ellenica ha fatto sapere che nessuna nave mercantile battente bandiera greca è stata attaccata da pirati al largo delle coste meridionali dell'India negli ultimi giorni. Ma l'Icc ha confermato che la nave coinvolta nel tentativo di attacco di cui si parla nel rapporto è proprio la "Olympic Flair, battente bandiera greca". Della nave viene dato anche il numero Imo, International Maritime Organization (8913966), cioè il codice che identifica ogni tipo di natante superiore alle 100 tonnellate."

Non è la prima volta che si parla di una nave greca ma ora l'organismo intenazionale di controllo ha ribadito:

"Alle 16.50 locali un attacco dei pirati a due miglia dal porto di Kochi" mentre dalla registrazione satellitare della posizione della Enrica Lexie si evince che la petroliera si trovava a 33 miglia dalla costa e quindi in acque internazionali, circostanza decisiva poiché comporta il passaggio della competenza dalla giurisdizione indiana a quella italiana.

Aggiungiamo anche per completezza, che il peschereccio con i due pescatori morti era vicino alla costa. Gianandrea Gaiani, già un mese fa, dava un resoconto dettagliato della vicenda, evidenziano le discrepanze tra due diversi approcci al problema. (http://www.eurasia-rivista.org/intervista-a-gianandrea-gaiani-sulla-crisi-diplomatica-italo-indiana/13837/).

Allora, prima ancora di cercare di stabilire la giurisdizione non sarebbe meglio cominciare a capire chi ha ucciso i due pescatori indiani?

Sarebbe anche interessante poter ricevere risposte ufficiali a quesiti rimasti in sospeso ma di fondamentale importanza  per comprendere, inoltre, come sia stato gestito il problema a totale tutela di due cittadini italiani che il 15 febbraio 2012 erano imbarcati su una nave battente Bandiera italiana - la Enrica Lexie - perchè militari incaricati di garantire sicurezza al naviglio contro possibili attacchi di pirateria marittima.  Una sintesi degli stessi è riportata nella  relazione dello scrivente al link relazioneeventimaro.htm

 Forse un aiuto può arrivare da una valutazione cronologica degli eventi sviluppata dall'avvocato Roberta De Luca e dall'Analisi Tecnica dell'esperto Luigi Di Stefano e pubblicata sul suo  sito - www.seeninside.net/piracy - sintetizzati in una presentazione in Power Point (Maro1) realizzata dall'amico Antonio Seraglia. Inoltre l'amico Carlo Gardella che risiede e lavora in India da anni ha realizzato una "presentazione semplificata" (maro2) sempre sulla base di notizie acquisite in questi mesi e di quanto valutato ed analizzato da Luigi Di Stefano.

 
La presentazione contiene una serie di immagini ed animazioni che rendono abbastanza pesante il file. Si consiglia di cliccare nel pulsante a fianco, scaricarla sull'HD del proprio computer e poi scorrere le slides. 

 

Per scaricare la presentazione Maro1 maro1.ppt
Per scaricare la presentazione Maro2 maro2.ppt
La gestione della pagina della Bonino su FB

art.htm

Per tornare alla Home del sito index.htm